Kim scopre il raffreddore

Avete sentito l’incredibile notizia ?
Credevamo nella coerenza delle persone, soprattutto dei cosiddetti rivoluzionari (o presunti tali), e invece no, persino gli ultimi “Baluardi” cadono.
Come è caduto anche quel “Cicciobello” di Nord Coreano, Kim Jongun.
È caduto ieri pomeriggio sul GinoVirus, dopo due anni e mezzo di psico pandemia mondiale praticamente ignorata, senza alcun danno nazionale … ha dovuto ammettere anche lui, che esiste davvero il GinoVirus !!!
Persino Cicciobello!!!
È vero, ha detto che hanno avuto un solo caso (sic!), ma per la prima volta anche in Corea del Nord c’è un raffreddore che costringerà tutti ad un Lockdown serratissimo, sullo stile Shanghai, ma con due anni di ritardo.
Allora in questa situazione si configura una situazione che ammette due postulati.
O Cicciobello è veramente un ritardato, come dicevano tutti da anni, cioè ci arriva dopo due anni e mezzo, nonostante il martello mediatico quotidiano di tutte le testate informative mondiali, oppure dopo varie pressioni, dopo varie “spintarelle” personali – del tipo “attento alla pelle”, o “ti cancelliamo dai libri di storia” – ha dovuto anche lui assoggettarsi al piano, cioè anche lui non è al di fuori del progetto, non è svincolato dai comandi dell’alto.
Cicciobello coreano si dedica al suo recinto di trogloditi coreani, ma deve sottostare ai Cowboys del recinto mondiale.
Quindi lui ha resistito, fin quando ha potuto, ma poi dall’alto i padroni del Recinto gli hanno detto : “Cicciobello, adesso almeno un caso ce lo devi trovare ! Devi ammettere che ‘sto coronavirus c’è  anche in Corea del Nord, che è rimasto l’ultimo paese.
Praticamente l’hanno ammesso tutti, e manchi solo te!!!”
Questo fatto, dimostra che sono tutti controllati dall’alto, ognuno è responsabile del suo piccolo recintello, all’interno del mega recinto.
Quindi, come ho sempre sostenuto, il piano è mondiale, ormai non ci sono più dubbi.
E che non ci siano più dubbi lo dimostra un’unica regia, un unico copione e un unico spettacolo, dove i vari leader sono soltanto gli attori che recitano la loro parte.
E come ogni rappresentazione, ci sono i buoni, i cattivi, quelli a metà, quelli seri e quelli ridanciani, che a volte, a seconda della storia, si cambiano pure di ruolo.
Una specie di “Beautiful” pomeridiano, dove tutti vogliono il primo piano e la foto del profilo nella sigla di inizio e fine trasmissione.
Cicciobello, a questo punto entra anche lui di prepotenza nel vivo dello spettacolo.
Vediamo adesso, cosa cosa gli faranno fare.
“Non è che sta lì a non fare niente, devi darti da fare !!!
Magari, sfruttando il tuo regime sanguinario, dando il via ai campi di concentramento per i No e FreeVax.”
Ossia la stretta mortale e definitiva che si vuole per i dissenzienti, per i “Divergent” e gli eventuali “Insurgent”, per coloro cioè che hanno capito tutta la manfrina.
Ma noi restiamo a guardare le stelle, la luna … e la finale di Coppa Italia.

Aumenti a grandine!

C’era da aspettarselo.
E chi ha messo in piedi le unità di crisi pandemico-belliche, ossia i Governi di tutti e 30 gli Stati che controllano il mondo (le altre 180 nazioni, in sostanza), giustificano questa spinta inflazionistica senza precedenti, con invenzioni create al momento e scuse incredibili che hanno del paradossale.
Come se il gas naturale e i carburanti fossili fossero del tutto esauriti, o se l’Ucraina sfamasse l’intera popolazione del pianeta.
Il mio pasticcere, ad esempio, con la giustificazione dell’aumento della farina e dell’energia elettrica, si è fatto un ritocchino ai prezzi al dettaglio di un bel + 50%.
Da 8 a 12 euro al chilo.
Dall’oggi al domani. Motu proprio.
Ma anche la grande Distribuzione giorno per giorno sta “lumacando” aumenti lenti, ma progressivi.
La pasta ogni settimana scatta di 15-20 centesimi, senza clamore e senza la minima ribellione.
Pensare che 20 centesimi di euro equivalgono a circa 400 lire, su un pacco di pasta da 500 grammi, che a suo tempo ne costava molto meno di 1000.
Quando mia madre al mercato doveva aumentare la rosetta di 10 lire al chilo, perche a lei l’aumentava il forno, c’era la sfida all’Ok Corral, con tanto di pistole e fucili.
La triste constatazione è che gli stipendi sono inchiodati, le parcelle non vengono pagate, e la sussistenza, non il voluttuario, ma l’indispensabile per tutti, aumenta giorno per giorno, assestando progressi da inizio anno, del 20 – 30 % complessivi (altro che il 10 % che deve ammettere a malincuore la propaganda di Stato).
Il risultato è che sempre più famiglie si stanno indebitando, aumentano le sofferenze bancarie e finanziarie, i mutui non li paga più nessuno, il carico fiscale a breve non verrà più rispettato dalla maggior parte dei cittadini.
E a quel punto inizierà la stretta.
L’esproprio, l’imposizione, il dovere, il controllo e l’inibizione alla piena vita sociale.
Tutto studiato, tutto calcolato a tavolino.
E il bello è constatare quanti ancora ridono e vivono beati, con le stesse aspettative e prerogative di prima, nonostante stiano prosciugando risparmi e togliendosi fonti di entrata quotidiane.
I classici idioti che pensano che i lampi e i tuoni di un bombardamento siano, in verità, i festeggiamenti di Capodanno.
E forse a breve anche noi avremo lo stesso dubbio, se continua questa sorta di psico-conflitto.
Ma già da ora, per gli avveduti e i responsabili, le rinunce e le privazioni iniziano a pesare.
Merce abbandonata in prossimità delle casse, acquisti rimandati o soppressi, divertimenti, hobby e svaghi, che stanno calando a vista d’occhio.
Si parla tanto di proteggere ed anzi aumentare la qualità della vita, mentre si sta facendo di tutto, per portarla a livelli medievali, col Dominus a giocare a polo e il Servo della gleba a sfacchinare tutto il giorno nei campi.
Una cosa é certa, dopo aver assaggiato la mela del Paradiso, ora dover accettare nel piatto, pulci e pidocchi, non credo che sia un passaggio proprio così pacifico e indolore.
Questa è la mia speranza e questa probabilmente sarà la leva che ribalterà tutto, dalla testa fino a scendere ai piedi, quando il botto sarà impressionante.
Statene certi !!!

Il Commercio senza merce.

È il classico incubo del commerciante : essere in un mercato affollato di possibili clienti, senza neanche un limone da vendere sul banco.
Nulla, tutto vuoto, scaffali e scansie senza prodotti da offrire.
Eppure in molte parti del mondo è già così.
Fanno tenerezza ad esempio i piccoli bazar di Zanzibar, di cui mi raccontava un mio amico anni fa, posti in riva all’oceano indiano.
Griffe, marche, nomi prestigiosi (Valentino, Missoni, Versace, etc.) all’esterno, su improbabili insegne scritte su palanche di legno, e dentro la baracca, la miseria assoluta, con cianfrusaglie e cose rimediate dai rifiuti degli hotel della costa.
Ecco a breve anche in Occidente avremo negozi vuoti di merce, con la pratica impossibilità di acquistare e rifornirli come un tempo.
E analogamente per i consumatori sarà triste avere i portafogli disponibili, e non poter acquistare nulla di piacevole o gratificante.
Molti miei amici imprenditori, già mi stanno confessando difficoltà sempre più evidenti ad avere regolari approvvigionamenti o periodicità “rispettata” coi loro soliti grossisti.
Ormai la scusa è sempre la stessa : guerra russo ucraina, problemi sanitari in Cina, difficoltà di trasporto e logistica nei maggiori porti mondiali (Shanghai e Ningbo su tutti).
È così i prezzi aumentano, la merce non gira, i soldi stagnano e le borse finanziarie di tutta la Terra, languono e perdono fior di miliardi di dollari.
Vi ricordate quando vi dissi, in un post di qualche anno fa, che la varietà e la scelta che abbiamo ancora a tutt’oggi, nonostante tutto, ce la potremo scordare ?
Che a breve avremo “un tipo di mela, un tipo di pera, un tipo di uva, in tipo di maglietta e di calzoni? Una sola auto e un solo tipo di alloggio ?”, ecco bravi, ci stiamo arrivando a tappe forzate.
La scarsità di prodotti è intimamente legata alla mancanza sul mercato delle materie prime principali : in primis rame, ferro, acciaio.
Ma la crisi riguarda anche : mais, caffè, frumento e soia.
Per concludersi con i veri e propri settori lavorativi collegati come: legname, semiconduttori, plastica e cartone per imballaggi.
E hai voglia a tirare su la serranda, se piano, piano dopo i clienti, stanno facendoti sparire pure i fornitori e la merce.
Unica strada a questo punto è il ritorno all’economia di “scambio”, quella che caratterizzò gli albori dell’umanità.
“Io do una cosa a te, e tu mi dai una cosa a me!”.
Ci sarà solo da stabilire cosa cambiare con le professioniste del sesso, con hostess e gigolò, perché in quella circostanza, la cosa sarà veramente “dura” (in tutti i sensi).

Oggi “dobbiamo” essere felici !

L’Assemblea generale dell’ONU, il 28 giugno 2012, stabilì con la risoluzione A/RES/66/281, che il 20 marzo di ogni anno, tutti i suoi Stati membri, e parliamo quindi di tutto il mondo, a partire dell’anno successivo il 2013, festeggiassero la “Giornata Internazionale della Felicità” in maniera appropriata, anche attraverso attività educative e di crescita della consapevolezza pubblica.
Quindi 10 anni fa, si iniziò faticosamente, ma molto meticolosamente, a creare quella narrazione di obblighi e doveri, celati da buonismo e altruismo.
La felicità veniva ad essere istituzionalizzata e quindi di fatto autorizzata.
Si passava dall’essere felici … al dover essere felici !
E il bello è che una massa di idioti oggi farà quello che viene richiesto loro.
Magari esibendo bandiere particolari, mettendosi nastrini o fasce di colori per l’occasione, festeggiando una cosa banalissima e vecchia come il cucco, e mostrandosi in modo “caricaturale” più felice di altri giorni.
Perché il teatrino impone oggi, 20 marzo, di ricordare di essere felici.
Da una parte fanno bene.
Perché di questi tempi abbozzare un sorriso o farsi una bella risata, è diventato quasi impossibile, ma dall’altra mostrano con assoluta crudeltà, che il piano va avanti da anni e che al termine “felicità”, dall’inizio della psico-pandemia, abbiamo soltanto sostituito quello di “resilienza”.
Sono esperti di marketing e pubblicità e sanno perfettamente come farci aprire la bocca per il veleno quotidiano.

P.S. Mi raccomando di ridere, ridere, ridere a crepapelle se qualcuno dovesse essere intervistato nei Tg odierni, da qualche parassita con microfono e telecamera.

Cosa c’è dopo ?

È il cruccio più grande dell’umanità.
Quello di non sapere mai in anticipo cosa accadrà domani.
Anzi per essere precisi, neanche quello che avverrà tra qualche minuto.
Siamo barche in un oceano burrascoso, senza punti di riferimento e senza motore.
Quindi i piani, i progetti e tutti i teatrini messi su, dagli artefici del Great Reset, per quanto perfetti e ben studiati a tavolino, giacciono pericolosamente sotto lo scacco della Signora Nera con la Falce, e sotto il grande libro del destino, che ancora non sono riusciti a scrivere loro.
Per la riuscita, contano soltanto sulla legge dei grandi numeri.
Essendo molti i partecipanti e altrettanti i collaborazionisti, è improbabile che falliscano tutti.
O tutti insieme contemporaneamente.
Ma ignorano o sottovalutano colpevolmente il fattore “sorpresa”.
Quello per cui John Lennon, Malcom X, o Ghandi si presero una rivolverata in pieno petto, o i tre Presidenti Africani morirono inspiegabilmente durante la pandemia pur non essendo malati – Pierre Nkurunziza (Burundi) morto il 10 giugno 2020, John Magufuli (Tanzania) morto il 18 marzo 2021 e Didier Ratsiraka (Madagascar) morto il 28 marzo 2021.
Dopo pandemia e guerra, credo che manchi soltanto un nuovo diluvio universale o la “rivelazione degli Alieni sulla Terra”, magari quel famoso Anticristo che dovrebbe guidare il trapasso dell’umanità verso un mondo migliore.
Certo, che culo chiuso che abbiamo avuto noi di questi tempi !
Potevamo continuare la vita di sempre, tra gite, mangiate al ristorante e allegre compagnie, e invece abbiamo l’onore di appartenere alla generazione che assisterà al Grande Reset, alla “rivelazione” (o apocalisse) di San Giovanni Evangelista.
Proprio un bellissimo culo serrato, tappato, dopo secoli e secoli di vita “normale”.
Ma la nostra fortuna é che quel fattore sorpresa non calcolato dalle elite, SIAMO NOI, quelli che non hanno delegato il pensiero a influenze esterne, e che non hanno preso la via più facile, scegliendo l’obbedienza al posto del coraggio.
Ed ecco come Schwab e i suoi amici, che sociopaticamente non sorridono mai, falliranno nel loro Grande Reset e noi riusciremo a rimanere individui liberi e sovrani, lasciandoci guidare dal nostro pensiero critico e da ciò che il nostro cuore e la nostra anima sanno essere giusto, e scegliendo sempre il coraggio, anziché l’obbedienza.
Obbedienza o coraggio?
Delegare i nostri pensieri o usare la nostra testa?
Siamo nel processo del Grande Reset o del Grande Risveglio, e la scelta non è delle elite, la scelta è la nostra !

Il grande esproprio

Ufficialmente siamo ancora in emergenza sanitaria fino alla fine di marzo e grazie allo psico conflitto militare in Ucraina, in emergenza nazionale fino alla fine del 2022.
E cosa fa il “Governo dei Migliori” tra le migliaia di priorità da approvare in tutto questo sfacelo ?
Vota la riforma del catasto!
In questo periodo storico le cose più difficili da trovare in circolazione oltre ai NoVax e i filorussi (da crocifiggere), sono i neuroni dei nostri comandanti.
Ma scusate che fretta c’era?
Come mai una tale urgenza, da rischiare, come infatti è avvenuto, di far cadere il governo con una fiducia stentata, 23 a 22 in Commissione ?
Semplicissimo : si chiama Grande Reset e Agenda 2030.
Occorre aumentare i costi e portare la tassazione di tutte le proprietà immobiliari alle stelle, per rendere sempre più impossibile la vita alle famiglie che possiedono case di proprietà (si parla di migliaia di euro all’anno).
Nelle simulazioni del sindacato  confederale UIL, rese note al quotodiano fiorentino La Nazione, a partire dal 2026 (sempre norme a scoppio ritardato per non far partire scintille rivoluzionare e indottrinare per bene le pecore alla tosa), le rendite aumenteranno del 128,3% con punte del 189% a Trento, 183% a Roma, 164% a Palermo, 155% a Venezia, 123% a Milano.
L’impatto sull’IMU, sarà devastante sulle seconde case, con un aumento medio a livello nazionale di 1.150 euro, passando dagli attuali 896 euro a 2.046 euro.
Mentre una prima casa ai fini del calcolo dell’ISEE per gli aiuti sociali, gli asili nido, le mense dei bambini, aumenterà mediamente di 75 mila euro, con il valore che passerà da 23.576 a 98.733, con un incremento percentuale che sfiora così il +319%.
E già qualcuno in maggioranza, parla di tornare a tassare pure la prima casa.
Se aggiungete a questa follia tutti i rincari (energia, utenze, cibo, ecc.) lo scenario è inquietante …
Ed occorre ricordare inoltre le altre imposte e tasse correlate, come  registro, Iva, successioni, bollo, catastali etc.etc., che di fatto renderanno impossibile ai più, anche il solo sognare di essere proprietari di immobili.
Infine il Ministero per la Transizione Energetica già lavora per la goccia che farà traboccare il vaso : ossia la prossima emergenza, quella climatica !
Ricordo che il lasciapassare è verde : vi siete mai chiesti perché Green?
La vostra casetta inquina?
Nessun problema, dovete metterla a norma, spendendo tantissimi soldi.
Non li avete? Cazzi vostri !!!
Le famiglie non ce la faranno più a pagare o indebitarsi ulteriormente, e allora interverrà il “Governo Salvifico”, con i suoi enti di riscossione, Agenzia delle Entrate in primis, che inizieranno ad espropriare e mettere all’incanto tutte le proprietà requisite.
Si passerà “dal villino di proprietà al monolocale in affitto”, e tutto sembrerà normale, specie per le nuove generazioni, per le quali una casa propria, sarà la favola che racconteranno i nonni.
Avremo i bellissimi alveari russi e cinesi, dove in casermoni di cemento armato che sembrano loculi cimiteriali, vivono migliaia di persone ammassate.
Ma lo dovevano fare, ce lo chiede … il Padreterno.

Il mito delle due sorgenti

Secondo lo scrittore e geografo greco Pausania il Periegeta, nella regione agricola della Beozia (da lì l’aggettivo “beota” o stupido, villico), si trovava l’antro di Trofonio, che era uno degli accessi agli Inferi e dove per entrare era necessario prima bere da due sorgenti.
Una dedicata a Lethe, per dimenticare la vita umana e la seconda consacrata a Mnemosyne, per conservare in memoria ciò che si sarebbe appreso nell’altro mondo.
Il visitatore dopo aver bevuto ad entrambi le acque, penetrava nella “bocca oracolare” introducendovi prima i piedi e poi le ginocchia, mentre il resto del corpo veniva “spinto a forza”.
Dopo qualche tempo in stato di semi-incoscienza, il paziente veniva tratto fuori dagli aiutanti dell’oracolo e fatto sedere sul trono della Memoria.
Usciva dallo stato comatoso, riprendeva la facoltà di ridere e poteva uscire con il responso sul suo futuro.
É evidente in questo mito, il rito di iniziazione : una sorta di “clausura”, l’ingresso in un mondo estraneo (il mondo del sonno ha, nella cultura greca, forti legami con la morte), per poi far ritorno dalla “Pianura dell’Oblio” alla quotidianità, completamente “rinati”.
La salvezza e l’unica via d’uscita a questo biennio di autentica pazzia collettiva, potrebbero essere proprio le sorgenti di Beozia, dove andare tutti in fila ordinata.
Prima una bella tazza di acqua Lete (no quella in bottiglia di plastica verde), per dimenticare i morti, le situazioni critiche e tutti gli orrori che ci hanno fatto vivere i nostri leader mondiali in questo biennio di vita buttato via, e subito dopo una bella sorsata di Mnemosine, per tenere a debita memoria, per tutte le vite a venire, fino a che punto abbiamo reputato “nuova normalità”, la cretinagine e la stoltezza di questi giorni, in cui abbiamo fatto tutto e il contrario di tutto a tamburo battente.
Con ordini e imposizioni, per altro impartiti da omuncoli e nullità, che abbondano davvero dalle nostre parti.
Buona bevuta !!!

Ci sarà un tempo

Ci sarà un tempo, forse, per riflettere approfonditamente su quello che stiamo vivendo. Qualcuno, certamente più bravo di noi, ci scriverà un libro.
Un libro che entrerà nelle scuole, muoverà dibattiti e convegni e farà guadagnare un mucchio di soldi a quel qualcuno che, magari, in questa fase, ci ha cannibalizzato, sfottuto, criticato, ma è stato anche abbastanza furbo, da non esporsi troppo e non lasciare tracce sui social o in pubblico.
Qualcuno che, al momento opportuno, fingerà di essere stato sempre dalla nostra parte.
E che verrà anche creduto, probabilmente osannato come un eroe della resistenza, dagli stessi che oggi osannano Fauci, i tecnocrati e lo spietato apparato discriminatorio al Governo.
Quel qualcuno dirà quello che noi diciamo in queste sere, senza essere creduti da nessun altro se non da altri brutti, cattivi e reietti come noi, che per altro sono sempre di meno, ogni giorno che passa.
E ossia che il nazismo che emerge dal pensiero e esce dalla bocca di molti esponenti del sistema, in questa fase, ha avuto una lunga gestazione nei decenni precedenti.
Ed è stato digerito e fatto proprio da una massa violenta, invidiosa e profondamente ignorante.
Il processo di selezione della classe dirigente e di gerarchizzazione delle teorie, è stato accuratamente elaborato e attuato negli ultimi venti, trenta anni.
Non si diventa nazisti da un giorno all’altro.
E nemmeno si diventa stupidi da un giorno all’altro. 
Semplicemente oggi raccogliamo quello che altri hanno seminato da giornali, radio, televisioni, partiti e sindacati.
Ma, come dicevamo sopra, è una verità che altri racconteranno in futuro.
Un tempo in cui sarà facile accoglierla.
Mia moglie, come tanti altri di noi, per me buoni, si lamentano proprio di questo lasso di tempo, che vorrebbero finisse domani.
Purtroppo il tempo non dipende da noi, né dalla nostra volontà e come nascita e morte, lo possiamo soltanto veder scorrere, senza farci nulla.
Ma statene certi che finirà.

La gente come noi …

“La gente come noi non molla mai”. Lo ripetevano e tutt’ora lo gridano a mò di mantra, i portuali del molo di Trieste e non solo.
E in pochissimi giorni è diventato l’inno dei non rassegnati al vaccino e dei no Green Pass.
Anche Mario Giordano, lo mette nei suoi siparietti televisivi la sera.
Ma l’autore di questo grido di protesta, aveva ben altri intendimenti.
Nel 2014 infatti, tal Maurizio Affuso (in arte “Ha Fuso”), in quel di Macerata Campania, in provincia di Caserta, scrisse il nuovo inno per la JuveCaserta di Basket.
Testo spiccatamente sportivo, lontanissimo da ogni fine morale o incoraggiamento ideale per la difesa dei diritti e dei sentimenti di libertà.
E fa strano che un inno simile, del tutto sconosciuto ai più, nonostante i molti download dei tifosi locali, sia stato adottato addirittura in Isreale e nelle maggiori piazze italiane.
Della serie, non mi frega un piffero del testo o della motivazione delle parole, quanto del motivetto che fa : “Du du, du du … du du, du du … Dufour”.
Peccato che al bel canto non sono seguiti i fatti.
Di Trieste non se ne parla quasi più, silenzio tombale sui cortei di Milano, Torino e Roma, e in questi giorni con l’opportunità di sfruttare il palcoscenico mondiale con il G20 nella Capitale, il disco è rotto, le trombe tacciono e le grida, restano solo quelle “manzoniane”.
Ancora una volta lo spettacolo è terminato, e buoni, buoni, ci incammiamo in fila a pagare il biglietto che ci avevano promesso gratuito a inizio pandemia.
Bisognerebbe chiedere a Ho Fuso, di modificare il nostro motto, per motivi di copyright :
“La gente come noi … non lotta mai!”

La sindrome della capanna

L’effetto collaterale più evidente conseguente al coprifuoco, ai vari lockdown, alle restrizioni domiciliari di questo anno e mezzo, per molti, e anche per coloro che non avevano mai sofferto prima di disturbi psicologici particolari, come il sottoscritto, è stata la cosiddetta “sindrome della capanna” o “patologia del prigioniero”, ossia la paura di uscire e lasciare la propria casa, il luogo che per mesi ci ha fatto sentire al sicuro, al riparo da qualsiasi pericoloso agente esterno. 
Per diverse ragioni, ma anche a causa di meccanismi del tutto inconsci, ansia, paura e frustrazione, hanno preso il sopravvento nello stato d’animo di molti di noi.
Danni psicologici (ed anche purtroppo fisici), per certi versi  assimilabili a quelli lamentati da chi, è stato costretto ad una lunga degenza ospedaliera o carceraria, o da chi, vivendo in zone del mondo dove il freddo invernale impedisce di uscire, è costretto a restare chiuso in casa per mesi e mesi.
Ieri ne ho avuto la riprova.
Ormai i danni ci sono e sarà difficile se non impossibile, tornare ad uno stato di equilibrio ex ante.
Eravamo infatti a cena per il mio onomastico, con mia moglie, mia figlia, mio genero e il mio nipotino, quando, pur essendo prevista un’ora in più per stare insieme, ossia le 23, ebbene nonostante ciò, alle 21.50 erano già sulla porta di casa, per salutarci e tornare alla loro abitazione. Perché ormai il precedente orario aveva dettato usi e abitudini ed eravamo già tutti mezzi addormentati.
“Casa mia, casa mia …” diceva un vecchio adagio popolare, a significare che a casa propria si sta meglio a prescindere.
Riaffermato e verificato alla grande questo, non vorrei proprio essere nei panni di coloro che prima campavano con la nostra vita frenetica e le tante ore trascorse fuori di casa : bar, ristoranti, hotel, taxi, negozi. 
Alle 22 di ieri sera, infatti, ho assistito allo stesso deserto dei mesi addietro.
Mi si obietterà, perché vivo in un paesotto vicinissimo a Roma e non nella grande metropoli, con tante attrazioni e vita notturna.
Ma il coccio ormai mi sembra rotto irrimediabilmente, anche per megalopoli come Londra o New York. Stanno tutti rintanati, tutti stregati davanti al televisore, tutti mezzi addormentati, stremati dal fare poco (o nulla) e tutti ad ordinare le proprie necessità di tutti i giorni, al cellulare, senza neanche verificare la qualità, di quello che ci viene consegnato a domicilio.
Ed è bene non sottostimare la gravità di questa sindrome : più tende a cronicizzarsi, e maggiore è la probabilità che lasci un segno indelebile e per sempre. 
Alcuni erroneamente attribuiscono il ritorno alle attività lavorative e non pre-Covid, a qualcosa di simile al  ritorno da un periodo di vacanze o di riposo !
Non è assolutamente equiparabile.
Sono due circostanze differenti e credere di superare questo stato psicologico con la facilità di bere un bicchier d’acqua, è dannoso oltre che falso.
Ne sanno qualcosa le migliaia di coppie che in questo periodo hanno rotto i loro legami matrimoniali, visto che in questi mesi di Covid, i divorzi sono aumentati del 60% e le separazioni del 70%.
Oppure l’aumento esponenziale dei livelli di ansia, depressione e i sintomi legati allo stress, soprattutto nei soggetti di sesso femminile, ma anche tra bambini e ragazzi in età scolare.
Con punte percentuali altissime.
Oltre alla sindrome succitata, un’altra situazione di disagio e malessere psicologico, in gergo tecnico, è quella che viene definita di “Languishing”, caratterizzata da una sorta di languire, un osservare la vita dietro un vetro appannato, la
mancanza di voglia di fare cose, una pericolosa assenza di prospettive.
Effetti a cascata e danni ingenti sulle prossime generazioni.
Una responsabilità grande che ricade su ognuno di noi. Senza scaricabile.