Numerosi numeri.

La politica vive di numeri e percentuali. La sanità si affida e dà i numeri tutti i giorni, come le istituzioni economiche.
I bilanci e i rendiconti nazionali e internazionali, si fanno e confrontano con i numeri.
Perché il numero per sua natura, o meglio per come ce l’hanno sempre insegnato e raffigurato, fin dalle scuole elementari, è un dato certo, incontestabile.
Uno più uno fa due e nessuno osa fiatare più.
In realtà come ci spiega Wikipedia, il concetto di “numero”, nasce per la necessità del conteggio, come astrazione del concetto di quantità, realizzato attraverso una corrispondenza biunivoca tra elementi di due insiemi distinti.
Quindi un concetto sostanzialmente “astratto”, ossia senza corrispondenza con la realtà oggettiva e con i nostri sensi.
Perché sono la nostra mente, i nostri sentimenti e le nostre idee, a farci percepire il “numero”.
Numerosi numeri che ci vengono fatti imparare e utilizzare a partire dalla nostra data di nascita.
Con i numeri si può affermare tutto e il contrario di tutto.
Il “pollo a testa di media” del poeta Trilussa ne é un classico esempio.
E da qualche decennio a questa parte, siamo letteralmente sommersi da numeri.
Verrebbe da suggerire : “proprio noi Italiani, notoriamente portati per le materie letterarie !”.
Con i numeri dell’estate del 2011, sullo spread tedesco e la dimissione del Berlusconi IV, abbiamo inaugurato vari di Governi più o meno tecnici, non rappresentativi del Paese ; con i numeri del duo “Conte-Draghi”, abbiamo tremato per una psico pandemia e buttato via due anni di vita ; con i numeri della Comunità Europea, tra Pnrr, Mes, Bund e Fondi monetari vari, abbiamo distrutto la nostra economia ; con i numeri quotidiani della guerra russo-ucraina, rischiamo di doverci mettere l’elmetto e partire soldati.
Astrazioni e grandezze ipotetiche, non verificate a posteriori da nessuno, che modificano la nostra vita, imprimendo ad essa rettilinei veloci, curve, salti, salite e repentine discese.
“Un numero vi rovinerà la Vita !” sembra essere la morale di questo post.
Ed in effetti occorre sganciarsi dal potere dei numeri e non essere loro vittime.
Sì, la parola “vittima” è adeguata, perché i numeri a volte ci fanno sentire minuscoli e privi di valore.
Un voto indesiderato, un kg in più sulla bilancia, uno zero in meno sul conto in banca e addirittura un numero troppo basso di like può arrivare ad abbassarci l’autostima.
Lasciamolo ai nostri aguzzini il gioco dei numeri e iniziamo a fare quello dei sentimenti e della felicità, per il quale non servono le dita per contare … ma soltanto il cuore per sentire.

La pazienza del Bonobo.


Eri un leone nei giorni della psico pandemia.
Hai “goduto” del lockdown sperando nel profondo che non finisse mai.
Hai girato con la mascherina anche quando ti trovavi da solo in auto, al mare o in un parco.
Hai trasformato la FFP2 nella tua coperta di Linus.
Hai consumato litri di amuchina e alcool e in macchina, bloccato nel traffico, sfregavi le tue mani fino a consumarle.
Hai appeso alla finestra lo striscione «andrà tutto bene», hai ballato e cantato sul balcone,
hai messo il fiorellino nella tua foto profilo di Facebook, hai applaudito e ti sei commosso, oh quanto ti sei commosso, davanti ai Tik Tok degli infermieri, i “Nostri Angeli”.
La televisione, ma che dico, il mondo intero ti diceva che eri bravo, bravissimo, eccezionale, il «cittadino modello del futuro».
Ma c’era quel tuo amico, quel tuo vicino, quel tuo parente… che proprio non ne voleva sapere !!!
Quanto lo hai odiato.
Tu rilanciavi i bollettini dei contagi e dei decessi … e lui parlava d’altro.
Tu eri in fila negli Hub, per l’ennesima “dose di tranquillità a tempo”, e lui continuava a vivere.
Tu tremavi e lui no.
Che affronto, che fastidio, che nervi!
Così gli hai dichiarato guerra, lo hai denunciato, lo hai infamato, lo hai discriminato in ogni modo, sul posto di lavoro, in famiglia, ovunque.
Potevi augurargli la morte o la reclusione e nessuno ti diceva niente, anzi, venivi lodato dal Vip di turno, da quel bravo conduttore che sapeva tutto, da quel simpatico influencer che aveva tanti follower e da quell’esimio dottore che non sbagliava mai.
Quando al ristorante scannerizzavano il tuo QrCode, e appariva quella spunta verde, era ogni volta un piacere immenso.
Una carezza dall’alto.
Il mondo ormai apparteneva a quelli come te, non a chi ha resistito e informandosi aveva capito tutto.
E poi cos’è successo?
È successo che quel tuo conoscente non è morto, è rimasto in piedi !
Con la pazienza e il sorriso ironico di un Bonobo, ti irrideva e beffeggiava sempre.
Imperterrito, come una scogliera imponente battuta senza sosta dalle onde.
Perché non è crollato?
Perché è ancora lì?
Non doveva andare così!
Intanto il virus spariva dalle prime pagine.
E ritirandosi scopriva il vuoto della tua esistenza.
Un vuoto senza fondo che credevi, inutilmente, di aver riempito con mascherine e peraccini.
Ormai ti restano soltanto i tuoi tristi giorni di sempre, nemmeno una vita da mediano … ma
la classica, solita vita da serie B !!!

La verità dei Tampon test.

Ieri, il noto influencer Gregis, in quel di Tenerife, ha “sdoganato” uno di quei tamponi per l’autotest antigenico rapido del Sars Cov2.
Praticamente il modo migliore di rovinarsi la giornata (e la vita), preferito da milioni di occidentali, con il primato assoluto degli italiani su tutti.
È partita infatti a fine cena, con degli amici, la preliminare analisi dettagliata, con tanto di ripresa video, delle indicazioni della confezione di un tampone rapido, della lettura dei suoi componenti, della casa produttrice e dei vari certificati di garanzia internazionale.
Poi è seguita l’apertura del blister, con l’inventario della minuteria inserita : spiegazioni multilingue, cotton fioc, boccette sigillate con liquido di reazione, test in plastica con cartina tornasole all’interno.
Liquido testato : un bicchierino di grappa barricata a fine pasto.
Le considerazioni fatte ad alta voce, passo, passo dei vari momenti, fino al risultato / “rivelazione” delle stanghette colorate, erano comiche e tragiche nello stesso tempo.
La prima eccezione veniva mossa al paese produttore del “pacco” : tutto naturalmente e rigorosamente … cinese, con scritte incomprensibili e misteriose.
Quindi sottinteso arrivava il pensiero maligno e cattivo, che proprio la nazione che ha appestato il mondo, è anche quella che sta traendo i maggiori ritorni economici da tutta questa vicenda paradossale. Poi la qualità pessima dei materiali e la loro impossibile sterilità, viste le guarnizioni, le sicurezze igieniche e gli imballi, praticamente paragonabili alle “pesche” vendute ai bambini nelle edicole.
Quindi la tipologia assolutamente discrezionale dei campioni prelevati per il test, per cui ogni liquido è testabile, dalla grappa al piscio, dal sudore alla coca cola.
Infine la comica terminale della cartina tornasole, interna al plasticotto finale, che “certifica” o meno, la malattia dell’esaminando, dopo i fatidici 10 minuti di attesa febbrile.
Sul prezzo si è preferito stendere un pietoso velo, visto che si trovano dai 2 euro ai 25, praticati dalle farmacie per gli stessi prodotti.
La riflessione finale, è che resta dannatamente ridicolo che abbiamo perso tre anni della nostra vita, a causa di questi tamponi per le bambole, questi infernali giochetti asiatici.
Autentici “pacchi cinesi”, che sono serviti, in primo luogo per dimostrare l’esistenza del virus e subito dopo come “pezza a colore” per assentarsi dal lavoro con giustificazione validissima, vistata e autorizzata direttamente dai Ministeri dei Migliori.
Miseri cotton fioc, che hanno fatto fallire migliaia di imprese, causato contenziosi e processi, originato centinaia di arresti e sanzioni, prodotto morti e suicidi.
Potrebbe parlarsi a ragione, di Psicosi collettiva all’autodistruzione, che ha fatto leva sul passatempo preferito dagli europei, quel “Gratta e Vinci”, che in questo caso, sarebbe più opportuno e profetico chiamare “Infila e Perdi” !!!

Il veggente Calcante.

Calcante, nella mitologia greca, era un grande veggente, originario di Argo.
Aveva ricevuto da Apollo il dono della profezia : “Come oracolo Calcante non teme alcun rivale !” (Omero, Iliade, libro II).
E infatti fu il vaticinio di tutte le alterne vicende della guerra di Troia, fu il consigliere dei Greci e pure dei Troiani, venne sconfitto in una gara di divinazione da Mopso, altro illustre oracolo, e morì soltanto per il troppo ridere quando, una volta giunto il giorno per il quale aveva previsto la propria morte, la sua profezia sembrava non realizzarsi mai.
Io specie nell’ultimo triennio, mi sono molto spesso atteggiato ad aruspice, proprio come Calcante, “toppando” però molte previsioni all’inizio, che poi però si sono “aggiustate”, fortunosamente, dandomi alla fin fine ragione.
Lo è stato per la mia vicenda personale, ma anche per la “panscemia” e la vita professionale di mia moglie.
Oggi vorrei predire cosa ci aspetta nei prossimi mesi, ma credetemi è veramente molto difficile !!!
La mia palla di vetro, per quanto la scruti e la rigiri, resta muta.
Non mostra alcuna delle prossime invenzioni e manovre di guerra dei personaggi internazionali e nazionali, i nostri magnifici Super Eroi, di questi nostri ultimi anni di vita tribolata.
Non so quando azioneranno il pulsante mondiale per far brillare ciò che hanno inoculato a mezzo mondo per far schiattare tutti, o se continueranno prioritariamente nell’opera di “convinzione volontaria” ostinatamente indirizzata a quelli che non l’hanno fatto e/o non vogliono assolutamente farlo.
E qui si innesta tutta la profezia autunnale, se ci saranno cioè i milioni di trapassi per quello che battezzeranno come nuove varianti, oppure se aspetteranno di arrivare al 100% dei sorci che gli rovinano la dispensa.
Perché per loro, questo siamo !!!
Un dilemma Amletico che a mio avviso sveleranno nel mese di Settembre, il mese fino al quale hanno prorogato ieri, in Consiglio dei ministri, l’uso del bavaglino di Stato.
Durante l’estate ci saranno le “grida manzoniane” dei contagi e dei morti per assembramenti “incoscienti”, che invero non controlla nessuno, e al rientro, arriveranno le prime (solite) chiusurine per noi e per la nostra salute.
I primi (soliti) divietini, i primi (soliti) e delicati assaggi del bastone di Thor sulle nostre teste.
E il brutto sarà che, come i bambini che vogliono narrata sempre la stessa favola che ormai conoscono a memoria, ci berremo di nuovo tutto, senza battere ciglio, “perché lo dice la legge!”.
Caro Calcante, spero anch’io di morire dal ridere come te, per aver sbagliato la previsione estrema … ma la vedo difficile ‘sta volta.

Kim scopre il raffreddore

Avete sentito l’incredibile notizia ?
Credevamo nella coerenza delle persone, soprattutto dei cosiddetti rivoluzionari (o presunti tali), e invece no, persino gli ultimi “Baluardi” cadono.
Come è caduto anche quel “Cicciobello” di Nord Coreano, Kim Jongun.
È caduto ieri pomeriggio sul GinoVirus, dopo due anni e mezzo di psico pandemia mondiale praticamente ignorata, senza alcun danno nazionale … ha dovuto ammettere anche lui, che esiste davvero il GinoVirus !!!
Persino Cicciobello!!!
È vero, ha detto che hanno avuto un solo caso (sic!), ma per la prima volta anche in Corea del Nord c’è un raffreddore che costringerà tutti ad un Lockdown serratissimo, sullo stile Shanghai, ma con due anni di ritardo.
Allora in questa situazione si configura una situazione che ammette due postulati.
O Cicciobello è veramente un ritardato, come dicevano tutti da anni, cioè ci arriva dopo due anni e mezzo, nonostante il martello mediatico quotidiano di tutte le testate informative mondiali, oppure dopo varie pressioni, dopo varie “spintarelle” personali – del tipo “attento alla pelle”, o “ti cancelliamo dai libri di storia” – ha dovuto anche lui assoggettarsi al piano, cioè anche lui non è al di fuori del progetto, non è svincolato dai comandi dell’alto.
Cicciobello coreano si dedica al suo recinto di trogloditi coreani, ma deve sottostare ai Cowboys del recinto mondiale.
Quindi lui ha resistito, fin quando ha potuto, ma poi dall’alto i padroni del Recinto gli hanno detto : “Cicciobello, adesso almeno un caso ce lo devi trovare ! Devi ammettere che ‘sto coronavirus c’è  anche in Corea del Nord, che è rimasto l’ultimo paese.
Praticamente l’hanno ammesso tutti, e manchi solo te!!!”
Questo fatto, dimostra che sono tutti controllati dall’alto, ognuno è responsabile del suo piccolo recintello, all’interno del mega recinto.
Quindi, come ho sempre sostenuto, il piano è mondiale, ormai non ci sono più dubbi.
E che non ci siano più dubbi lo dimostra un’unica regia, un unico copione e un unico spettacolo, dove i vari leader sono soltanto gli attori che recitano la loro parte.
E come ogni rappresentazione, ci sono i buoni, i cattivi, quelli a metà, quelli seri e quelli ridanciani, che a volte, a seconda della storia, si cambiano pure di ruolo.
Una specie di “Beautiful” pomeridiano, dove tutti vogliono il primo piano e la foto del profilo nella sigla di inizio e fine trasmissione.
Cicciobello, a questo punto entra anche lui di prepotenza nel vivo dello spettacolo.
Vediamo adesso, cosa cosa gli faranno fare.
“Non è che sta lì a non fare niente, devi darti da fare !!!
Magari, sfruttando il tuo regime sanguinario, dando il via ai campi di concentramento per i No e FreeVax.”
Ossia la stretta mortale e definitiva che si vuole per i dissenzienti, per i “Divergent” e gli eventuali “Insurgent”, per coloro cioè che hanno capito tutta la manfrina.
Ma noi restiamo a guardare le stelle, la luna … e la finale di Coppa Italia.

Aumenti a grandine!

C’era da aspettarselo.
E chi ha messo in piedi le unità di crisi pandemico-belliche, ossia i Governi di tutti e 30 gli Stati che controllano il mondo (le altre 180 nazioni, in sostanza), giustificano questa spinta inflazionistica senza precedenti, con invenzioni create al momento e scuse incredibili che hanno del paradossale.
Come se il gas naturale e i carburanti fossili fossero del tutto esauriti, o se l’Ucraina sfamasse l’intera popolazione del pianeta.
Il mio pasticcere, ad esempio, con la giustificazione dell’aumento della farina e dell’energia elettrica, si è fatto un ritocchino ai prezzi al dettaglio di un bel + 50%.
Da 8 a 12 euro al chilo.
Dall’oggi al domani. Motu proprio.
Ma anche la grande Distribuzione giorno per giorno sta “lumacando” aumenti lenti, ma progressivi.
La pasta ogni settimana scatta di 15-20 centesimi, senza clamore e senza la minima ribellione.
Pensare che 20 centesimi di euro equivalgono a circa 400 lire, su un pacco di pasta da 500 grammi, che a suo tempo ne costava molto meno di 1000.
Quando mia madre al mercato doveva aumentare la rosetta di 10 lire al chilo, perche a lei l’aumentava il forno, c’era la sfida all’Ok Corral, con tanto di pistole e fucili.
La triste constatazione è che gli stipendi sono inchiodati, le parcelle non vengono pagate, e la sussistenza, non il voluttuario, ma l’indispensabile per tutti, aumenta giorno per giorno, assestando progressi da inizio anno, del 20 – 30 % complessivi (altro che il 10 % che deve ammettere a malincuore la propaganda di Stato).
Il risultato è che sempre più famiglie si stanno indebitando, aumentano le sofferenze bancarie e finanziarie, i mutui non li paga più nessuno, il carico fiscale a breve non verrà più rispettato dalla maggior parte dei cittadini.
E a quel punto inizierà la stretta.
L’esproprio, l’imposizione, il dovere, il controllo e l’inibizione alla piena vita sociale.
Tutto studiato, tutto calcolato a tavolino.
E il bello è constatare quanti ancora ridono e vivono beati, con le stesse aspettative e prerogative di prima, nonostante stiano prosciugando risparmi e togliendosi fonti di entrata quotidiane.
I classici idioti che pensano che i lampi e i tuoni di un bombardamento siano, in verità, i festeggiamenti di Capodanno.
E forse a breve anche noi avremo lo stesso dubbio, se continua questa sorta di psico-conflitto.
Ma già da ora, per gli avveduti e i responsabili, le rinunce e le privazioni iniziano a pesare.
Merce abbandonata in prossimità delle casse, acquisti rimandati o soppressi, divertimenti, hobby e svaghi, che stanno calando a vista d’occhio.
Si parla tanto di proteggere ed anzi aumentare la qualità della vita, mentre si sta facendo di tutto, per portarla a livelli medievali, col Dominus a giocare a polo e il Servo della gleba a sfacchinare tutto il giorno nei campi.
Una cosa é certa, dopo aver assaggiato la mela del Paradiso, ora dover accettare nel piatto, pulci e pidocchi, non credo che sia un passaggio proprio così pacifico e indolore.
Questa è la mia speranza e questa probabilmente sarà la leva che ribalterà tutto, dalla testa fino a scendere ai piedi, quando il botto sarà impressionante.
Statene certi !!!

Il Commercio senza merce.

È il classico incubo del commerciante : essere in un mercato affollato di possibili clienti, senza neanche un limone da vendere sul banco.
Nulla, tutto vuoto, scaffali e scansie senza prodotti da offrire.
Eppure in molte parti del mondo è già così.
Fanno tenerezza ad esempio i piccoli bazar di Zanzibar, di cui mi raccontava un mio amico anni fa, posti in riva all’oceano indiano.
Griffe, marche, nomi prestigiosi (Valentino, Missoni, Versace, etc.) all’esterno, su improbabili insegne scritte su palanche di legno, e dentro la baracca, la miseria assoluta, con cianfrusaglie e cose rimediate dai rifiuti degli hotel della costa.
Ecco a breve anche in Occidente avremo negozi vuoti di merce, con la pratica impossibilità di acquistare e rifornirli come un tempo.
E analogamente per i consumatori sarà triste avere i portafogli disponibili, e non poter acquistare nulla di piacevole o gratificante.
Molti miei amici imprenditori, già mi stanno confessando difficoltà sempre più evidenti ad avere regolari approvvigionamenti o periodicità “rispettata” coi loro soliti grossisti.
Ormai la scusa è sempre la stessa : guerra russo ucraina, problemi sanitari in Cina, difficoltà di trasporto e logistica nei maggiori porti mondiali (Shanghai e Ningbo su tutti).
È così i prezzi aumentano, la merce non gira, i soldi stagnano e le borse finanziarie di tutta la Terra, languono e perdono fior di miliardi di dollari.
Vi ricordate quando vi dissi, in un post di qualche anno fa, che la varietà e la scelta che abbiamo ancora a tutt’oggi, nonostante tutto, ce la potremo scordare ?
Che a breve avremo “un tipo di mela, un tipo di pera, un tipo di uva, in tipo di maglietta e di calzoni? Una sola auto e un solo tipo di alloggio ?”, ecco bravi, ci stiamo arrivando a tappe forzate.
La scarsità di prodotti è intimamente legata alla mancanza sul mercato delle materie prime principali : in primis rame, ferro, acciaio.
Ma la crisi riguarda anche : mais, caffè, frumento e soia.
Per concludersi con i veri e propri settori lavorativi collegati come: legname, semiconduttori, plastica e cartone per imballaggi.
E hai voglia a tirare su la serranda, se piano, piano dopo i clienti, stanno facendoti sparire pure i fornitori e la merce.
Unica strada a questo punto è il ritorno all’economia di “scambio”, quella che caratterizzò gli albori dell’umanità.
“Io do una cosa a te, e tu mi dai una cosa a me!”.
Ci sarà solo da stabilire cosa cambiare con le professioniste del sesso, con hostess e gigolò, perché in quella circostanza, la cosa sarà veramente “dura” (in tutti i sensi).

Oggi “dobbiamo” essere felici !

L’Assemblea generale dell’ONU, il 28 giugno 2012, stabilì con la risoluzione A/RES/66/281, che il 20 marzo di ogni anno, tutti i suoi Stati membri, e parliamo quindi di tutto il mondo, a partire dell’anno successivo il 2013, festeggiassero la “Giornata Internazionale della Felicità” in maniera appropriata, anche attraverso attività educative e di crescita della consapevolezza pubblica.
Quindi 10 anni fa, si iniziò faticosamente, ma molto meticolosamente, a creare quella narrazione di obblighi e doveri, celati da buonismo e altruismo.
La felicità veniva ad essere istituzionalizzata e quindi di fatto autorizzata.
Si passava dall’essere felici … al dover essere felici !
E il bello è che una massa di idioti oggi farà quello che viene richiesto loro.
Magari esibendo bandiere particolari, mettendosi nastrini o fasce di colori per l’occasione, festeggiando una cosa banalissima e vecchia come il cucco, e mostrandosi in modo “caricaturale” più felice di altri giorni.
Perché il teatrino impone oggi, 20 marzo, di ricordare di essere felici.
Da una parte fanno bene.
Perché di questi tempi abbozzare un sorriso o farsi una bella risata, è diventato quasi impossibile, ma dall’altra mostrano con assoluta crudeltà, che il piano va avanti da anni e che al termine “felicità”, dall’inizio della psico-pandemia, abbiamo soltanto sostituito quello di “resilienza”.
Sono esperti di marketing e pubblicità e sanno perfettamente come farci aprire la bocca per il veleno quotidiano.

P.S. Mi raccomando di ridere, ridere, ridere a crepapelle se qualcuno dovesse essere intervistato nei Tg odierni, da qualche parassita con microfono e telecamera.

Cosa c’è dopo ?

È il cruccio più grande dell’umanità.
Quello di non sapere mai in anticipo cosa accadrà domani.
Anzi per essere precisi, neanche quello che avverrà tra qualche minuto.
Siamo barche in un oceano burrascoso, senza punti di riferimento e senza motore.
Quindi i piani, i progetti e tutti i teatrini messi su, dagli artefici del Great Reset, per quanto perfetti e ben studiati a tavolino, giacciono pericolosamente sotto lo scacco della Signora Nera con la Falce, e sotto il grande libro del destino, che ancora non sono riusciti a scrivere loro.
Per la riuscita, contano soltanto sulla legge dei grandi numeri.
Essendo molti i partecipanti e altrettanti i collaborazionisti, è improbabile che falliscano tutti.
O tutti insieme contemporaneamente.
Ma ignorano o sottovalutano colpevolmente il fattore “sorpresa”.
Quello per cui John Lennon, Malcom X, o Ghandi si presero una rivolverata in pieno petto, o i tre Presidenti Africani morirono inspiegabilmente durante la pandemia pur non essendo malati – Pierre Nkurunziza (Burundi) morto il 10 giugno 2020, John Magufuli (Tanzania) morto il 18 marzo 2021 e Didier Ratsiraka (Madagascar) morto il 28 marzo 2021.
Dopo pandemia e guerra, credo che manchi soltanto un nuovo diluvio universale o la “rivelazione degli Alieni sulla Terra”, magari quel famoso Anticristo che dovrebbe guidare il trapasso dell’umanità verso un mondo migliore.
Certo, che culo chiuso che abbiamo avuto noi di questi tempi !
Potevamo continuare la vita di sempre, tra gite, mangiate al ristorante e allegre compagnie, e invece abbiamo l’onore di appartenere alla generazione che assisterà al Grande Reset, alla “rivelazione” (o apocalisse) di San Giovanni Evangelista.
Proprio un bellissimo culo serrato, tappato, dopo secoli e secoli di vita “normale”.
Ma la nostra fortuna é che quel fattore sorpresa non calcolato dalle elite, SIAMO NOI, quelli che non hanno delegato il pensiero a influenze esterne, e che non hanno preso la via più facile, scegliendo l’obbedienza al posto del coraggio.
Ed ecco come Schwab e i suoi amici, che sociopaticamente non sorridono mai, falliranno nel loro Grande Reset e noi riusciremo a rimanere individui liberi e sovrani, lasciandoci guidare dal nostro pensiero critico e da ciò che il nostro cuore e la nostra anima sanno essere giusto, e scegliendo sempre il coraggio, anziché l’obbedienza.
Obbedienza o coraggio?
Delegare i nostri pensieri o usare la nostra testa?
Siamo nel processo del Grande Reset o del Grande Risveglio, e la scelta non è delle elite, la scelta è la nostra !

Il grande esproprio

Ufficialmente siamo ancora in emergenza sanitaria fino alla fine di marzo e grazie allo psico conflitto militare in Ucraina, in emergenza nazionale fino alla fine del 2022.
E cosa fa il “Governo dei Migliori” tra le migliaia di priorità da approvare in tutto questo sfacelo ?
Vota la riforma del catasto!
In questo periodo storico le cose più difficili da trovare in circolazione oltre ai NoVax e i filorussi (da crocifiggere), sono i neuroni dei nostri comandanti.
Ma scusate che fretta c’era?
Come mai una tale urgenza, da rischiare, come infatti è avvenuto, di far cadere il governo con una fiducia stentata, 23 a 22 in Commissione ?
Semplicissimo : si chiama Grande Reset e Agenda 2030.
Occorre aumentare i costi e portare la tassazione di tutte le proprietà immobiliari alle stelle, per rendere sempre più impossibile la vita alle famiglie che possiedono case di proprietà (si parla di migliaia di euro all’anno).
Nelle simulazioni del sindacato  confederale UIL, rese note al quotodiano fiorentino La Nazione, a partire dal 2026 (sempre norme a scoppio ritardato per non far partire scintille rivoluzionare e indottrinare per bene le pecore alla tosa), le rendite aumenteranno del 128,3% con punte del 189% a Trento, 183% a Roma, 164% a Palermo, 155% a Venezia, 123% a Milano.
L’impatto sull’IMU, sarà devastante sulle seconde case, con un aumento medio a livello nazionale di 1.150 euro, passando dagli attuali 896 euro a 2.046 euro.
Mentre una prima casa ai fini del calcolo dell’ISEE per gli aiuti sociali, gli asili nido, le mense dei bambini, aumenterà mediamente di 75 mila euro, con il valore che passerà da 23.576 a 98.733, con un incremento percentuale che sfiora così il +319%.
E già qualcuno in maggioranza, parla di tornare a tassare pure la prima casa.
Se aggiungete a questa follia tutti i rincari (energia, utenze, cibo, ecc.) lo scenario è inquietante …
Ed occorre ricordare inoltre le altre imposte e tasse correlate, come  registro, Iva, successioni, bollo, catastali etc.etc., che di fatto renderanno impossibile ai più, anche il solo sognare di essere proprietari di immobili.
Infine il Ministero per la Transizione Energetica già lavora per la goccia che farà traboccare il vaso : ossia la prossima emergenza, quella climatica !
Ricordo che il lasciapassare è verde : vi siete mai chiesti perché Green?
La vostra casetta inquina?
Nessun problema, dovete metterla a norma, spendendo tantissimi soldi.
Non li avete? Cazzi vostri !!!
Le famiglie non ce la faranno più a pagare o indebitarsi ulteriormente, e allora interverrà il “Governo Salvifico”, con i suoi enti di riscossione, Agenzia delle Entrate in primis, che inizieranno ad espropriare e mettere all’incanto tutte le proprietà requisite.
Si passerà “dal villino di proprietà al monolocale in affitto”, e tutto sembrerà normale, specie per le nuove generazioni, per le quali una casa propria, sarà la favola che racconteranno i nonni.
Avremo i bellissimi alveari russi e cinesi, dove in casermoni di cemento armato che sembrano loculi cimiteriali, vivono migliaia di persone ammassate.
Ma lo dovevano fare, ce lo chiede … il Padreterno.