Il caso Gregory Summers.

Il 25 ottobre 2006, alle 9 e un quarto del mattino, in Texas, veniva giustiziato con iniezione letale il 48enne Gregory Summers, che prima di morire, aveva espresso un desiderio : essere seppellito in Toscana.
In quella regione da cui provenivano le lettere dei ragazzini di una scuola media, che per tanti anni lo avevano confortato nel braccio della morte.
Era accusato di aver organizzato l’omicidio dei suoi genitori adottivi, per incassare 24mila dollari di assicurazione.
Ne avrebbe dati 10mila all’assassino. Ma in realtà, di prove certe non ne furono mai trovate.
E lui si dichiaró sempre innocente, scrivendo di pugno appelli a tutti i giornali del mondo, tentativi disperati, non avendo denaro, né altri mezzi, per chiedere la revisione della sentenza e salvarsi la vita.
Processo che in verità non fu mai riaperto e che lo condusse alla pena capitale.
Chiese pertanto al presidente degli Stati Uniti, George Bush figlio, di essere tumulato in Toscana, la terra che per prima al mondo, per volontà del Granduca Pietro Leopoldo, il 30 novembre 1786, abolì la pena capitale e la tortura.
Fu quindi sepolto nel Cimitero comunale di Cascina l’anno successivo.
Occorre sapere perché e in che modo la sua vicenda personale si intreccia con l’Italia.
Ebbene durante gli anni trascorsi nel braccio della morte, come già detto, lanció disperato il suo grido di aiuto in tutto il mondo.
Appelli che attraversarono anche l’oceano, e toccarono il cuore di una donna toscana, Maria Carla Carretta, preside dell’Istituto Comprensivo Borsellino di Navacchio, in provincia di Pisa.
Fu lei la prima a scrivere una lettera al carcere texano, indirizzata a Summers, e ad ottenere la risposta che avviò ufficialmente una corrispondenza protratta per oltre 10 anni.
Ma la Preside non ci stava all’idea che “Greg” fosse giustiziato senza prove certe, e così coinvolse i giovani studenti del suo Istituto, nella missione di sensibilizzare la gente contro la pena di morte.
Organizzò con i suoi alunni una petizione e furono raccolte oltre 700 firme. Purtroppo inutili per il detenuto, ma esempio di vita per i ragazzi.
Ci ricordiamo di “Greg” ogni 30 novembre, quando viene celebrata la Festa della Regione Toscana. R.i.P.

In castigo senza cellulare!

Lo temevo da tempo.
Una terribile premonizione anticipata per altro da un mio amico Bangladesh, ingegnere informatico, che ripara i cellulari :“Guarda che hai il telefonino in scadenza! Abbiamo il laboratorio pieno di cellulari come il tuo, a cui è scaduto il chip! Fatti un backup!!! “.
Non parliamo di obsolescenza, quella che colpisce ogni tecnologia quando esce quella successiva e superiore.
Qui si tratta di macchine scientemente programmate per “morire” di colpo ad una scadenza prefissata dal costruttore.
Il mio cellulare andava benissimo, efficenza pura, nonostante un lustro abbondante di vita.
E … puf … spento forever, morto, defunto, con tutte le mie app dentro, la mia rubrica, la mia agenda giornaliera e tutti gli appunti che credevo vitali. Perché poi, come si sopravvive alla morte delle persone care, anche questa, che credevo la peggiore delle sventure, sta diventando una cretinata di nessun valore, col passare delle ore. E tutto ciò naturalmente, senza alcun salvifico backup, senza nessun paracadute.
Perché fateci caso, la nostra memoria, in ogni forma, quindi anche quella all’interno di schede e apparecchi digitali, oltre che quella interna cerebrale, stanno facendo in modo di cancellarla, resettarla ed anche questo facendocelo passare come nuova normalità.
Ci devono portare ad un ricordo labile, ad un passato opaco, ad una identità incerta.
Quindi il cellulare che si sbianchetta tutto o si suicida da solo, è soltanto un altro modo di negarci la storia, di impedirci il confronto con ieri.
Un nuovo sistema con cui ci priveranno di immagini, scritti, sensazioni e appunti che ritenevamo importanti.
Prima su carta restavano, oggi invece trasferiti in byte, compaiono e spariscono quando vogliono gli altri.
E così da lunedì pomeriggio sono “Out” o come si dice oggi, non sono più in linea, in un castigo mediatico, accontentandomi di “galleggiare”, con un Wiko, un trabiccolo francese dotato di Android preistorico e memoria zero.
Fino a quando ?
Lo sa soltanto il magazziniere di Unieuro al quale ho affidato la mia resurrezione digitale.

Il veggente Calcante.

Calcante, nella mitologia greca, era un grande veggente, originario di Argo.
Aveva ricevuto da Apollo il dono della profezia : “Come oracolo Calcante non teme alcun rivale !” (Omero, Iliade, libro II).
E infatti fu il vaticinio di tutte le alterne vicende della guerra di Troia, fu il consigliere dei Greci e pure dei Troiani, venne sconfitto in una gara di divinazione da Mopso, altro illustre oracolo, e morì soltanto per il troppo ridere quando, una volta giunto il giorno per il quale aveva previsto la propria morte, la sua profezia sembrava non realizzarsi mai.
Io specie nell’ultimo triennio, mi sono molto spesso atteggiato ad aruspice, proprio come Calcante, “toppando” però molte previsioni all’inizio, che poi però si sono “aggiustate”, fortunosamente, dandomi alla fin fine ragione.
Lo è stato per la mia vicenda personale, ma anche per la “panscemia” e la vita professionale di mia moglie.
Oggi vorrei predire cosa ci aspetta nei prossimi mesi, ma credetemi è veramente molto difficile !!!
La mia palla di vetro, per quanto la scruti e la rigiri, resta muta.
Non mostra alcuna delle prossime invenzioni e manovre di guerra dei personaggi internazionali e nazionali, i nostri magnifici Super Eroi, di questi nostri ultimi anni di vita tribolata.
Non so quando azioneranno il pulsante mondiale per far brillare ciò che hanno inoculato a mezzo mondo per far schiattare tutti, o se continueranno prioritariamente nell’opera di “convinzione volontaria” ostinatamente indirizzata a quelli che non l’hanno fatto e/o non vogliono assolutamente farlo.
E qui si innesta tutta la profezia autunnale, se ci saranno cioè i milioni di trapassi per quello che battezzeranno come nuove varianti, oppure se aspetteranno di arrivare al 100% dei sorci che gli rovinano la dispensa.
Perché per loro, questo siamo !!!
Un dilemma Amletico che a mio avviso sveleranno nel mese di Settembre, il mese fino al quale hanno prorogato ieri, in Consiglio dei ministri, l’uso del bavaglino di Stato.
Durante l’estate ci saranno le “grida manzoniane” dei contagi e dei morti per assembramenti “incoscienti”, che invero non controlla nessuno, e al rientro, arriveranno le prime (solite) chiusurine per noi e per la nostra salute.
I primi (soliti) divietini, i primi (soliti) e delicati assaggi del bastone di Thor sulle nostre teste.
E il brutto sarà che, come i bambini che vogliono narrata sempre la stessa favola che ormai conoscono a memoria, ci berremo di nuovo tutto, senza battere ciglio, “perché lo dice la legge!”.
Caro Calcante, spero anch’io di morire dal ridere come te, per aver sbagliato la previsione estrema … ma la vedo difficile ‘sta volta.

12 giugno 1942

Sembra il titolo di un romanzo della seconda guerra mondiale.
Qualche testimonianza del secolo scorso che ha che fare con bombe, rifugi, suoni delle sirene, mitragliatrici.
E in effetti in questo giorno di qualche anno prima, quello della tua venuta al mondo, nasceva un’altra fanciulla molto importante.
“Venerdì 12 giugno ero già sveglia alle sei : e si capisce, era il mio compleanno ! Ma alle sei non mi era consentito d’alzarmi, e così dovetti frenare la mia curiosità fino alle sei e tre quarti. Allora non potei più tenermi e andai in camera da pranzo, dove Moortje, il gatto, mi diede il benvenuto.”
L’ho scoperto soltanto oggi cara Armandina, che nascesti esattamente 13 anni dopo Anna Frank.
Perché inizia così il racconto di sé stessa, su un piccolo diario con la copertina di tela a scacchi bianchi e rossi, ricevuto in regalo dal papà.
Sembra davvero un’altra epoca.
E proprio oggi, dopo appunto un’altra epoca, avresti compiuto 80 anni.
Uso il condizionale perché nel 2014 abbandonasti questa terra per ricongiungerti a Papà, ai miei nonni a tutti i tuoi cari.
A soli 72 anni ancora da compiere, decidesti di vegliarci dal cielo, come un angelo custode.
Certo che il 1942, è un anno proprio lontano e strano.
Lo ricordavo bene, anche agli esami di licenza elementare, perché era la data anagrammata della scoperta dell’America : 1492.
In quell’anno avvennero grandi eventi, la battaglia di Midway, la nascita del nostro codice civile, la costituzione del partito d’azione, il primo scudetto della Roma, il Brasile che ci dichiarò guerra, l’inizio del 20°anno dell’era fascista, la prima reazione nucleare della storia.
E in quel di Roma nasceva Armanda, una ragazza esile, con un nome maschile “femminilizzato”, perché come primogenito si sarebbe preferito un maschietto.
Una ragazza forte, anche se fortemente miope, con le acconciature di Mina, il neo finto da ragazza, le gonne strette e il fidanzato (poi marito), bullo e macho, come sognavi al cinema, con Salvatori e Maurizio Arena.
Oggi al tuo 80°, magari tutta bianca e zoppicante, avresti conosciuto i tuoi pronipotini, Lorenzo ed Eleonora, e sicuramente avremmo fatto una bella festa, magari al fresco, in collina come amavi tanto.
Buon Compleanno Mamma, e non ti dico come fanno tutti oggi : “ovunque tu sia!”, perché io lo so benissimo dove trovarti : con il tuo braccio sulla mia spalla destra. Sempre!!!
Tanti, sinceri auguri.

Argomenti tabù

Da ragazzino mi vietavano solo le parolacce, “morti e vaffa” su tutte. Le bestemmie non avevamo neanche il coraggio di pensarle e la scomunica era ancora una parola e una minaccia temutissima. Non c’erano altri argomenti vietati o pericolosi, ed anche alle medie o più grandicello alle superiori, potevamo discutere, canzonare, ridere o piangere su ogni cosa senza remore e senza rimpianti. Soprattutto nessuno si arrabbiava, non cerano le code di paglia di oggi. Ora invece é d’obbligo misurare la lingua, pensare e ripensare e decidere alla fine che forse è meglio tacere o cambiare forma (o contenuto del tutto). Perché il pensiero non ci appartiene più in modo intimo, riservato, personale … ma ogni cosa che esterniamo sui social e i media, diventa pubblica, erga omnes, per tutti. E questo dato di fatto, aumenta la lista dei temi delicati, delle affermazioni e dei discorsi attenzionati. Il rischio di trovarsi da una parte o l’altra della barricata, anche senza volerlo, è altissimo. Comprendo che le ferite sono lunghe e difficili da guarire, e che essere minoranza, comunque fa sentire più sensibili e più suscettibili a possibili attacchi, ma dobbiamo pure uscire da questo perenne sospetto, da questa continua caccia alle streghe. Non se ne può più del politically correct. Se dalle nostre bocche escono sinonimi o aggettivi grossolani, non è per offendere o dividere. È soltanto un lasciarsi andare ogni tanto, perché non se ne può proprio più.

“Chi vuol esser lieto sia, di diman non v’è certezza”.

Si tratta della “Canzona di Bacco”, composta da Lorenzo dé Medici, detto il Magnifico, in occasione del carnevale del 1490 a Firenze.
Era di fatto un “trionfo”, ossia una composizione scritta per essere  cantata da un corteo di maschere che rappresentavano soggetti mitologici, e nel caso specifico Bacco e Arianna, Sileno, Mida, i satiri e le ninfe, tutti personaggi  concreti e riconoscibili, che  rimandavano a concetti astratti come la Giovinezza, la Bellezza e l’Amore, ma anche triviali come la Sensualità e la Cupidigia (intesa come desiderio smodato  di ricchezza e di potere).
Esortò a questi valori terreni e poco spirituali, forse perché se la sentiva brutta, infatti morì a soli 43 anni, nella notte dell’8 aprile 1492.
Al momento del trapasso, Lorenzo era circondato dai suoi amici più cari, tra i quali Pico della Mirandola, il Poliziano, i suoi tanti figli, oltre che confortato religiosamente dal Savonarola stesso.
Oggi ci stanno portando a vivere nuovamente l’attimo, a spendere le nostre esistenze senza più progettualità futura, perché alla pianificazione ci pensano “Loro”.
Le elite e i filantropi della “depopulation” esagerata.
La non certezza del “diman”, come ammoniva Lorenzo, si trasforma automaticamente in un “Ora e subito”, senza tante pippe mentali.
Che poi detto tra noi, non ha solo riflessi negativi, poiché adottare la filosofia della Mindfulness (consapevolezza di sé stessi nel presente), significa semplicemente questo : togliersi dalle spalle il peso del passato e dal cuore le preoccupazioni per il futuro, per limitarsi a vivere in quel “Qui e ora” di cui vivono da secoli, i monaci buddhisti in Thailandia.
Monaci che consigliano :
“Fermati, qualsiasi cosa tu stia facendo.
Alza la testa e guardati intorno. Ascolta tutti i suoni che hai intorno a te.
“Senti” il tuo corpo : i vestiti che premono contro la tua pelle, l’aria tra i capelli, l’orologio stretto sul polso.
Concentrati sul gusto che hai in bocca.
Concentrati sugli stimoli sensoriali che il tuo corpo riceve e sintonizza la tua mente esclusivamente sul momento presente : niente passato, niente futuro, esiste solo il momento che stai vivendo!.”
Detto ciò e condiviso in pieno tutto, penso … forse … mi sto trasformando anch’io in un monaco rasato e arancione.