MPV o Monkeypox

Dopo Uk, Portogallo, Usa e Spagna, ora anche l’Italia registra i primi casi di Monkeypox, o “vaiolo delle scimmie”, un’infezione causata da un virus della stessa famiglia del vaiolo, ma che si differenzia dal vaiolo stesso per la minore diffusività e gravità.  
È di fatto una malattia conosciuta dal 1958, ma finora tranne zone endemiche, non aveva mai avuto l’onore di viaggiare nel mondo.
Secondo gli esperti, i due virus sarebbero “cugini” in quanto discendenti da un virus comune, quello del vaiolo bovino.
Ma MPV è stato identificato per la prima volta in Europa, in scimmie provenienti dal Sud-Est asiatico.
La trasmissione può avvenire anche da uomo a uomo, ma è molto difficoltosa, e il vaccino contro il “vecchio vaiolo”, quello che fu inoculato a milioni di individui nello scorso secolo (ed il mio braccio sinistro ancora lo ricorda con la pustola a rilievo rimarginata), “potrebbe forse” essere utile nelle persone a rischio.
Tutto un “chissà, potrebbe essere, forse, vedremo, non sappiamo ancora!”.
E indovinate invece chi ci ha avvisato, nel novembre 2021, di un possibile attacco terroristico con questo virus ? Lo stesso “signore” che ha messo al sicuro il suo brevetto per i vaccini contro il monkeypox, il SOLITO e PREVIDENTE zio Bill Gates.
Colui che invece sa tutto con anni di anticipo e che nel corso di una simulazione a fine 2021, ci ha presentato una bella cartellina in formato Excel, che ci illustra i prossimi mesi.
Attacco della sinfonia il 15 maggio 2022 (e ci siamo col cronometro), oltre 80 stati infestati a gennaio 2023 con sviluppo di forme “resistenti”, 27 milioni di morti tra un anno esatto, e circa 270 milioni di decessi a fine 2023.
In buona sostanza il mio terrore recondito.
Quello cioè di aver assistito ad un biennio di “Al lupo, al lupo” con un GinoVirus qualunque, di aver fornito materiale di studio e sperimentazione involontaria, ed ora che invece siamo tiepidamente tranquilli, relativamente normalizzati, ricevere a tradimento TUTTI, peraccinati e non, il vero scherzetto senza dolcetto.
La vera peste del terzo millennio.
Dagli stessi che con virus ed antivirus, ci hanno fatto una fortuna, e dagli stessi che come soluzione finale, pensano alla “depopolazione” come la panacea di tutti i problemi del mondo.
Infine la domanda che viene spontanea ; se per il Covid che era una malattia delle vie respiratorie avevamo un tampone per bocca e naso, per il “vaiolo della scimmie” che si ipotizza si propaghi con rapporti omosessuali maschili, il tampone dove ce lo infileranno ?