La gente come noi …

“La gente come noi non molla mai”. Lo ripetevano e tutt’ora lo gridano a mò di mantra, i portuali del molo di Trieste e non solo.
E in pochissimi giorni è diventato l’inno dei non rassegnati al vaccino e dei no Green Pass.
Anche Mario Giordano, lo mette nei suoi siparietti televisivi la sera.
Ma l’autore di questo grido di protesta, aveva ben altri intendimenti.
Nel 2014 infatti, tal Maurizio Affuso (in arte “Ha Fuso”), in quel di Macerata Campania, in provincia di Caserta, scrisse il nuovo inno per la JuveCaserta di Basket.
Testo spiccatamente sportivo, lontanissimo da ogni fine morale o incoraggiamento ideale per la difesa dei diritti e dei sentimenti di libertà.
E fa strano che un inno simile, del tutto sconosciuto ai più, nonostante i molti download dei tifosi locali, sia stato adottato addirittura in Isreale e nelle maggiori piazze italiane.
Della serie, non mi frega un piffero del testo o della motivazione delle parole, quanto del motivetto che fa : “Du du, du du … du du, du du … Dufour”.
Peccato che al bel canto non sono seguiti i fatti.
Di Trieste non se ne parla quasi più, silenzio tombale sui cortei di Milano, Torino e Roma, e in questi giorni con l’opportunità di sfruttare il palcoscenico mondiale con il G20 nella Capitale, il disco è rotto, le trombe tacciono e le grida, restano solo quelle “manzoniane”.
Ancora una volta lo spettacolo è terminato, e buoni, buoni, ci incammiamo in fila a pagare il biglietto che ci avevano promesso gratuito a inizio pandemia.
Bisognerebbe chiedere a Ho Fuso, di modificare il nostro motto, per motivi di copyright :
“La gente come noi … non lotta mai!”

Germania souvenir


Guido Capelli, docente universitario all’Orientale di Napoli di Letteratura Italiana, in una lezione all’aperto agli studenti senza certificato verde, seduti per terra nella Galleria Principe, due giorni fa, sulla vaccinazione denunciava :
«Si parla di obbligatorietà, obbligatorietà. Per fame si può cedere all’obbligatorietà. Ma quando c’è un potere che sta dicendo che un figlio minorenne può andare a vaccinarsi, cioè a sottoporsi a un trattamento sperimentale obbligatorio, da solo ed anche contro la volontà dei genitori, come faccio a non ricordare che i gerarchi nazisti, chiedevano la delazione ai figli dei padri? Come faccio a non ricordare la scena di Orwell il cui padre dice di essere stato denunciato dai figli? Come faccio?».
Anche il consigliere dell’Ente Teatro di Messina, l’intellettuale e storico Nino Principato, dopo i suoi commenti sul Festival di Sanremo e Achille Lauro, che suscitarono l’indignata reazione dell’Arcigay e della comunità Lgbt, in questi giorni ha postato su Facebook, la frase “Green Kass degli anni ’40 del 900 : La storia si ripete” con un’immagine del lasciapassare nazista, paragonato all’attuale “green pass”.
E su Facebook gira da mesi un triste raffronto, tra il nullaosta nazista per il libero spostamento degli “ariani” nei territori del Reich e il passaporto verde sanitario.
Indubbiamente la storia si sta ripetendo e ciò che sgomenta non é il fatto in sé, quanto constatare quanti sono coloro che non se ne stanno rendendo conto, o meglio che applaudono all’iniziativa.
Dopo tutto anche il medievale “jus primae noctis” a qualcuno sembrò normale a quei tempi, visto che sopravvisse per oltre duecento anni.
Le parole “no green pass” e “no vax” sono divenute il bastone o la clava, che servono a banalizzare, a marginalizzare, a bestializzare le opinioni contrarie.
Non si dovrebbe concedere al potere politico, in modo indiscriminato, l’accesso al corpo e ai diritti individuali.
Tutto questo dimostra che «Siamo di fronte a un problema di Stato di diritto e di tenuta democratica», come ha precisato il docente napoletano e che il problema sanitario, quando si obbliga il Green Pass anche ai venditori ambulanti dentro i mercati all’aperto … non c’entra nulla.

Otium e negotium

È bellissimo non avere alcun impegno o scadenza in testa. Fissare il soffitto e non trovare niente da fare nell’immediato, nella propria scatola cranica. Dopo decenni di numeri, conti, termini ultimi, cose da tenere a mente e pensieri … di colpo scoprirsi con la “capa fresca”. Forse soltanto nella prima infanzia stiamo in queste condizioni, quando l’unico pensiero è mangiare e dormire, ma sono sufficienti pochissimi anni, per cominciare il tram tram che ci hanno insegnato sui banchi di scuola e che fin da piccolissimi, ci hanno detto essere la cosa giusta da fare. Ossia : alzarci, lavarci, lavorare, lavorare, lavorare, pagare, avere il pensiero costante di non farcela a pagare, tornare a casa stanchi morti, lavarci, dormire … E ricominciare tutto da capo il giorno dopo. Una bella esistenza davvero ! Per gli antichi, oziare era identico a negoziare e doveva avere lo stesso numero di ore nella giornata. Con “l’otium” infatti si intendeva tutto ciò che era lontano dall’attività pubblica, dagli affari, dalla confusione quotidiana, e rappresentava la cura di sé e della propria saggezza, il proprio benessere fisico, lo sviluppo mentale e conoscitivo, che passava per la contemplazione e lo studio. In questo senso l’ozio, fu considerato da molti il padre della filosofia. Se, però, nel De Oratore, Cicerone, ritiene che l’otium e il negotium siano ugualmente importanti e dovrebbero essere praticati allo stesso modo a fasi alterne, diversa è la posizione di Orazio. Per il poeta latino infatti, l’otium rende liberi dalle ambizioni, che rincorre chi si affanna a svolgere l’uno o l’altro compito. Dunque l’otium è la sola via che conduce alla felicità. Nel nostro tempo, in cui la velocità è diventata un’esigenza insieme alla pragmaticità, abbiamo assistito alla trasformazione dell’otium latino in una colpa, un presunto stato di apatia e ignavia, dove il ritiro in sé, non corrisponde più alla ricerca di sé stessi, ma alla perdita sociale di noi stessi. Per gli altri non essere attivi, equivale ad essere negativi. Poiché essendo sempre di più presi dai mille affanni quotidiani, che ci impediscono di fermarci a riflettere su ciò che siamo o facciamo, e sul modo in cui questo si verifica, siamo inclini paradossalmente ad emarginare chi non è attivo. Chi propende all’introspezione, chi riflette, o semplicemente chi ferma un attimo la corsa incessante della sua vita, viene subito visto con sospetto, come un tempo erano visti e considerati i pazzi. Giorni fa riflettevo con mia sorella, che possiede da anni un bellissimo labrador nero, che i cani, ma anche i gatti, oggi vivono meglio dei loro padroni. Senza mascherine, senza tamponi, senza il pensiero di avere o come andare al lavoro, senza tante pippe mentali che affossano le nostre esistenze umane. E allora ben venga l’ozio e la possibilità di scelta, tra il fare e il dolce far niente, che ci restituisce liberi e felici, rendendo del tutto inutili, le assurde prescrizioni e sanzioni di chi ci governa. Basta soltanto sapersi accontentare !