Home » spettacolo » La nostra buona educazione.

La nostra buona educazione.

Julio era il cantante preferito di mia madre.
Negli anni ’70-’80 era un vero mito, con le sue canzoni che tra i primi, sdoganarono la lingua spagnola nel pop nostrano, dopo decenni di predominio inglese.
La sua “La nostra buona educazione”, del lontano 1979, che ho risentito oggi in un programma radiofonico di revival, mi ha fatto fare una riflessione sulla situazione incubo che stiamo soffrendo da due anni a questa parte.
Per buona educazione abbiamo mandato giù di tutto.
Abbiamo accettato idiozie e paradossi, che se eravamo poco, poco, più ignoranti e volgari, sarebbero finiti prima ancora di cominciare.
I “vaffaday” dovevano essere non episodici, ma quotidiani, e invece abbiamo taciuto ed eseguito.
Ci siamo vergognati di urlare contro tutto e tutti, per paura di brutte figure, di essere mosche bianche in una arnia di api agitate e pericolose.
E ormai il coccio è rotto.
Non esistono più voci contrarie e anche la protesta più flebile, come quella di Travaglio di questa mattina, sul Green Pass, necessita prima di scuse e genuflessioni varie al potere.
Quasi la premessa di scuse necessarie e indispensabili per osare anche una minuzia.
Il buon Iglesias cantava : “La nostra buona educazione / Non fa amici, e tantomeno amanti / Bisogna farsi anche del male / Per poi poter tirare bene avanti”.
Ecco se non arriveremo a farci anche del male, tirando fuori i rospi e le fregne che ci stanno intossicando, vivremo molto male, se e quando vivremo.
Sapere intimamente di fare una cazzata, e nonostante tutto farla ugualmente, come il metti e leva con la mascherina sanitaria nei ristoranti o l’imbarazzo nel salutare un parente o un amico, è umiliante per la nostra dignità e mortificante per il nostro spirito di libertà.
Fabio Volo in un suo saggio scriveva : “Se si sbaglia ad allacciare il primo bottone di una camicia, di conseguenza si sbaglieranno tutti gli altri. Gli altri però non saranno errori, ma solo la logica conseguenza del primo bottone sbagliato”.

One thought on “La nostra buona educazione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...