Homo homini lupus.

Di tutti i filosofi empirici inglesi, è l’unico che ricordo bene.
Perché il mio prof, ne spiegò dettagliatamente il pensiero, l’esperienza sensibile e il suo crudo materialismo.
Parliamo del britannico Thomas Hobbes, che nei suoi celebri aforismi  : “Bellum omnium contra omnes” (la guerra di tutti contro tutti), e “Homo homini lupus” (ogni uomo è lupo per l’altro uomo), entrambi tratti da lavori di Plauto nel 200 a.C., ha fotografato la vera natura dell’uomo e fermato la piccolezza e la sua cattiveria atavica.
Oggi leggendo botte e risposte violente sui social, ho capito che la guerra, lo scontro e la contrapposizione, sono le uniche cose che piacciono ai miei simili e che purtroppo caratterizzano questo brutto momento dell’umanità.
Perché in situazione di pericolo, in situazioni stressanti di sopravvivenza, ogni legge o norma prefissata, viene meno, e si ripristina lo “stato di natura”, uno stato in cui, non esistendo più alcuna regola, ogni individuo viene mosso dal suo istinto più intimo e primordiale, con il risultato di danneggiare gli altri e di eliminare chiunque sia di ostacolo al soddisfacimento dei propri desideri, o del proprio benessere.
E oggi, con la irrazionale paura di appestarsi o peggio di crepare, il green pass, il distanziamento sociale, la delazione ad ogni livello, e il conflitto fatto di falsità e bassezze non solo verbali, rappresentano solo la punta dell’iceberg di quell’istinto e quella violenza primordiale, che ha originato tutti i crimini più orrendi della Storia.
Con l’utilizzo del lato peggiore, latente e, aggiungo sconvolgente di ognuno di noi, chi comanda sa bene come tirare fuori, da armadi polverosi e dimenticati della nostra esistenza, tutto il nostro peggio.
Perché ciascuno di noi è una potenziale vittima … ma di certo anche un potenziale carnefice !
Basta ricordarsi Caino, che uccise Abele per gelosia, invidia e la discussione su chi dovesse sposare la sorella.
Lo diceva Freud, in risposta a chi identificava i criminali nei “malati di mente”, che : “criminali si diventa non per malattia, ma perché non funzionano i freni inibitori, e perché si viene scavalcati dalle emozioni, dalle passioni e dal piacere che si prova nel commettere un reato.”
Oggi, gratificando provax e vaccinati e bastonando gli scettici, il classico “dividi et impera”, si incoraggiano gli uni ad usare parole e azioni, sempre più divisive e cattive verso gli altri.
E così torna di moda Hobbes e le sue crude accuse all’uomo e alla sua naturale inclinazione contro i suoi simili.
Perché il prevalere del lato buono o cattivo, dipende dalle occasioni, dai contesti sociali e dagli stati psicologici (impulsi passionali e forti emozioni), e in determinate occasioni, come quella che stiamo vivendo, chiunque può diventare un carnefice, ed esprimere i propri impulsi antisociali, credendo in realtà di fare soltanto il proprio dovere.

Non sono un terrapiattista … ma …

Credo sia inopportuno dopo 6 secoli di storia, dubitare sulla Terra rotonda o interrogarsi sul suo movimento intorno al Sole, contrapponendo il tutto ad un pianeta fatto come una pizza napoletana col cornicione alto e ad una stella infuocata all’interno del suo nucleo.
Quindi non sono assolutamente un terrapiattista, né un seguace delle tante ipotesi di astronomia strampalata, che dall’800 vorrebbero rimettere tutto in discussione.
Ma devo riconoscere che molte cose del nostro pianeta, non trovano esatta corrispondenza con quello che i maestri prima e i professori poi, ci hanno inculcato come dogmi evangelici, nel nostro percorso scolastico da bambini.
Oggi stavo studiando il Polo Sud o Antartide, un luogo del nostro pianeta che credevo essere soltanto un’enorme distesa di ghiaccio, popolata da pinguini, foche, leoni marini e skua (grandi uccelli molto simili ai gabbiani).
Non sapevo ad esempio, che gli orsi bianchi, che popolano l’Artide, qui non esistono (tranne pochi esemplari presso la base Concordia, sotto l’Australia), e neanche che la superficie emersa, a parte i ghiacciai perenni, equivale ad un quarto continente terrestre, come estensione.
Credevo ci fossero temperature incredibilmente inospitali e invece ho letto che a Dicembre, l’opposto esatto che da noi, il clima è dolce e si arriva a misurare un “mite” -10°C. Più o meno l’inverno sulle piste da fondo ad Asiago. E a febbraio scorso, sulla costa settentrionale, vicino al Cile, si passeggiava a 20°C con cielo terso. Per poi precipitare a Giugno di ogni anno, la stagione più fredda o nelle zone più interne, fino a -70°C.
Ho scoperto che su Google Earth ci sono immagini di visitatori in giacca a vento senza guanti, né cappello, vicino al mare coi blocchi di ghiaccio.
E non sapevo che proprio tutto quel ghiaccio fosse di acqua dolce, rappresentando il 90% dell’acqua potabile del mondo. Quando mezza Africa muore di sete.
Mi è sembrato incredibile leggere sui nostri quotidiani online, che a Ottobre 2020, sull’intero continente antartico, era stato rilevato il più grande “buco dell’ozono” terrestre, che avrebbe causato sciagure e calamità naturali, indicandone la causa nel riscaldamento globale, e che inspiegabilmente due mesi dopo, a Dicembre, il buco non c’era più.
Perché si era richiuso da solo.
E ancora, che nonostante l’inquinamento e l’effetto serra, il Polo Sud ha una temperatura media che nel corso degli ultimi decenni è scesa di quasi 2 gradi (da -48 a -50).
Ho appreso che dagli anni ’60 esiste un divieto di sorvolo del Polo Sud e che ogni esplorazione organizzata, per verificare ipotesi fantasiose o pseudoscientiche, come quella di una zona temperata e lussureggiante al suo nucleo, sia stata sempre boicottata e annullata, dai 19 stati firmatari del “Trattato Antartico”.
Stati diventati nel frattempo 53, nel corso degli ultimi decenni.
Che in oltre 60 anni, le traversate e le esplorazione del Polo Sud, si contano sulla punta delle dita di due mani.
E strano a dirsi, che mentre si sono trovati finanziatori miliardari per lo spazio e le avventure più disparate in altre parti della Terra, per il Polo Sud, nessuno si è mai fatto avanti.
Che gli Usa hanno una supremazia mondiale su queste terre desolate, e che disciplinano gli accessi e le visite delle altre nazioni.
Ad esempio non permettono di approfondire o comparare rilievi fotografici di decenni passati con quelli attuali, coprendo intere aree con sbarramenti top secret e con immagini secretate.
Non permettono di investigare su presunti “buchi” o gallerie sotterranee, e sorvolano sulle inchieste verità russe e cinesi sul ritrovamento di basi e relitti di veicoli non identificati, che testimonierebbero l’esistenza di creature extraterrestri.
Insomma i Richard Branson, proprietrio della Virgin e gli Elon Musk, padrone di Testa, pianificano di sbarcare su Marte, mentre il nostro pianeta resta una incognita gigantesca per il 99% dei suoi abitanti.
E nel frattempo meglio dire (e studiare) che Poli = ghiaccio e gelo, senza tanti trip mentali, perché  Galileo Galilei, diventò cieco per difendere la sua verità e francamente oggi … non ne vale la pena!

La teoria della formica.

Avete presente quando in cucina con l’approssimarsi della bella stagione, si rivedono le formiche ?
Sono insetti che a differenza di mosche e zanzare sono generalmente più tollerate, ma anche loro a volte sono molto impattanti e fastidiose, specie quando assalgono, e non troviamo riparo ad alimenti e bevande zuccherine.
E allora passiamo al contrattacco con DDT e insetticida vari, che con una bella spruzzata fanno piazza pulita e sterminano tutto.
E pensare che in quelle file ordinate e in quei gruppuscoli pullulanti di nero, c’era la formica Antonio, un ingegnere bravissimo, la formica Gina, madre di sei formichini, la formica Pietro, parroco da poco, la formica Anna tintora e la formica Peppe, noto politico del luogo.
Una spruzzata e via.
Senza onori e senza colpa, tutti stecchiti nel raccoglimondezza.
Ecco io credo che quando ci raccomandiamo a Dio o comunque ad una entità superiore, sortiamo lo stesso risultato della formica Antonio, l’ingegnere, che credeva di essere risparmiato perché buono e ligio alla legge. Quando si spruzza non si vede il documento, né il curriculum vitae. Gli spruzzatori di DDT, non vogliono conoscere i giusti o gli inadeguati, se ne fregano del numero delle formiche e dell’insetticida da usare o quanto spruzzarne.
L’importante è liberare il pavimento dagli insetti e ridurre o sterminare tutta la colonia. E pensare che ci sono pure le formiche “zombie”, poiché un fungo, chiamato foride, infetta il loro corpo propagandosi anche nel cervello.
Allora la formica ammalata si trasforma in una sorta di “morto vivente” che vaga per la foresta equatoriale.
Ad un certo punto, mossa da uno stimolo misterioso, sale sopra ad un filo di erba e aspetta di essere mangiata da un uccello rapace di passaggio.
Il volatile provvederà poi, con le sue feci, a diffondere le spore del fungo “zombifero” e fare altre vittime. Quante strane coincidenze ….

Tuca tuca.

Nel 1971, ero poco più che un moccioso e ricordo che con zia Rita e mia sorella Claudia, ballavamo goffamente il “Tuca Tuca”, in sala da pranzo, col mangiadischi Geloso.
Il primo ballo sexy, con l’ombelico di fuori, che Raffa, lanciò nel corso dei tanti programmi musicali e di varietà, che condusse sulla Rai.
Che a quei tempi aveva solo due canali, due pulsanti, che potevano essere premuti … solo dopo autorizzazione genitoriale.
E oggi ci lascia, Raffaella Maria Roberta Pelloni, bolognese doc, classe 1943, per tutti “Raffaella Carrà” o “Raffa nazionale”, showgirl cantante, attrice, ballerina, conduttrice e autrice, dopo una malattia che ne aveva minato il fisico ormai minuto.
Era il modello artistico e l’esempio di tutte le ragazzine della mia età.
Bella, simpatica, energica e brava.
Lanciò tantissimi tormentoni di questo Paese, come : “Balla, Balla, A far l’amore comincia tu, Tanti Auguri, Fiesta, Pedro, E salutala per me, Ma che musica maestro, Rumore, Che dolor, Com’è bello far l’amore … “, arrivando ad oltre 60 milioni di dischi venduti.
Condusse le due Canzonissime del ’70 e ’71, con Corrado Mantoni, nelle quali lanciò il personaggio di “Maga Maghella”, i tip tap con Don Lurio ed Enzo Paolo Turchi e, come detto, il ballo del Tuca Tuca, che fu censurato perché troppo audace e provocatorio per quei tempi.
Fu la spalla di Mina nel programma fortunatissimo “Milleluci” e negli anni ’80, dopo una decina di anni di successi fuori dell’Italia, specie nei paesi latini, iniziò la serie dei Fantastici, di cui condusse più edizioni, anche con Renato Zero e Gigi Sabani.
Con “Pronto Raffaella” lanciò la striscia di mezzogiorno, con ospiti, intervento del pubblico da casa, e giochi televisivi, tra cui il famoso “Indovina i fagioli”.
A fine anni ’90 imperversò con varie edizioni di Carramba, a cui fu abbinata anche la lotteria Italia. Ma l’età e la malattia, l’hanno costretta pian piano a diradare gli impegni e misurare i programmi a cui prendere parte, e così pure Raffaella, che a soli otto anni, orfana di mamma, lasciò il bar sulla riviera romagnola del papà, per l’accesso all’Accademia nazionale di danza e lo studio presso il Centro Sperimentale di cinematografia di Roma, è volata “verso un mondo migliore”, come ha detto il coreografo Sergio Japino, il suo compagno di vita da oltre 17 anni.
Buon viaggio Raffa e … se puoi … salutalo per me !!!