Obbligo di acquistare “carta straccia”!

carta

L’intervista a Karsten Wendorff, economista di punta della Bundesbank responsabile per il dipartimento delle finanze pubbliche nella banca centrale tedesca, ha qualcosa di sinistro e preoccupante.

Di fatto l’UE e la Germania in particolare, azzerano la sovranità dello Stato Italiano.

La proposta è quella di creare un fondo italiano, finanziato da risparmio degli italiani, con titoli di Stato “riservati” specificamente a risparmiatori nazionali.

Fin qui l’idea è simile a quella del sottosegretario leghista Armando Siri, che vuole incentivare la sottoscrizione di obbligazioni di Stato in piani di risparmio privati.

Unica differenza è che la versione tedesca è obbligatoria !!!

Il 20% delle ricchezze degli italiani dovrà essere convertito in obbligazioni di solidarietà. Una specie di prestito di guerra in tempo di pace. Ossia il 20 % delle nostre ricchezze (immobili, depositi, risparmi gestiti, azioni e obbligazioni) DEVE essere destinato ad acquistare titoli dello Stato Italiano, che probabilmente, dopo qualche giorno, varranno zero sul mercato, perchè tutti li venderanno subito, visti gli assalti finanziari al nostro Paese da parte degli stessi che oggi ci danno questi amorevoli consigli. Una patrimoniale pesantissima che l’UE non può applicare dall’esterno coattivamente,  e che saremmo noi stessi con una sorta di moderno “hara-kiri” a farci da soli.

Acquistare carta straccia con il 20 % del nostro patrimonio.  Ma a questo punto di ricatto e intimidazione, a che cosa serve restare in questo carrozzone che è l’Europa.

A che piffero serve ?

Chi non si fa questa domanda o chi non fa nulla, avendone il potere e la possibilità di uscita o correzione,  è sicuramente un colluso.

Altro che storie e cambiamento.